Stoner. Landing pages.

Dopo l’allestimento a Pescara nel 2016, torna la mostra ispirata al romanzo di John Williams, “Stoner. Landing pages”, a Certaldo, Palazzo pretorio, visitabile fino al 10 gennaio 2021. Al suo interno è possibile ascoltare la mia composizione “Infine nel silenzio” , per nastro.

Stoner di John Williams è un caso letterario che ha appassionato migliaia di lettori nel mondo.
La biografia di un anonimo professore universitario che a cavallo tra la prima e la seconda guerra mondiale affronta i drammi e le passione di una vita ‘normale’.
È un libro che racconta lo scorrere del tempo come un insieme di episodi epici nella banale naturalezza del loro evolversi.
La sua è una storia di vita, senza tempo. E quindi è una storia contemporanea.
Nel corso del 2013 il romanzo di John Williams è diventato un bestseller in Inghilterra, Olanda, Francia, Spagna e Israele. La pubblicazione italiana – una felice intuizione di Fazi Editore – ha catalizzato le altre edizioni europee.Abbiamo coinvolto 8 artisti contemporanei e affidato ad ognuno un personaggio del libro; abbiamo chiesto loro di interpretare il romanzo attraverso il proprio linguaggio: scultura, fotografia, istallazioni, musica, performance e video.
Non solo la riproduzione espressiva delle pagine di Stoner bensì l’appropriarsi dei protagonisti per scavarne le profondità, per esternarne il non detto e il non scritto, per incanalare la narrazione nelle suggestioni della forza visiva.
Artisti diversi per poetica e formazione, inscenano una mostra che scorre come le pagine di un libro: Emiliano Bagnato, Mauro Fiorese, Pamela Grigiante, Roberta Montaruli, Stefano Lanzardo, Eleonora Roaro, Jacopo Simoncini, Giuliano Tomaino, Luigi Franchi – Zino

Immagini del tempo

Immagini del tempo, quattro preludi per violoncello e pianoforte

1. Preludio alla luce
2. Preludio alla trincea (da una poesia di G. Apollinaire)
3. Preludio a lei
4. Preludio alla morte

Durata: 15 minuti

Prima esecuzione: Festival “Musiche in mostra”, Palazzo Grosso, Riva di Chieri (TO), 26 ottobre 2019.
Violoncello: Luca Colardo
Pianoforte: Sandra Conte

Guarda il video

Primo classificato al concorso di composizione”Poesia in musica: verso l’assoluto di Mauro Crocetta”, Ascoli Piceno

42970395_2134593623241922_8574788295341375488_oSi è conclusa alla presenza di un folto pubblico e di autorità, nella prestigiosa sala della Vittoria della Pinacoteca civica di Ascoli Piceno, la serata di premiazione dei vincitori del Concorso “Poesia in musica: verso l’Assoluto di Mauro Crocetta” organizzato dalla “Fondazione Mauro Crocetta” in collaborazione con l’Istituto Musicale “Gaspare Spontini” di Ascoli Piceno ” e con la consegna del prestigioso riconoscimento “Premio Cultura” 2018 all’Ambasciatore Giorgio Girelli Presidente del Conservatorio Rossini di Pesaro.
Il primo premio è stato assegnato a Jacopo Simoncini da Sarzana (La Spezia) per la composizione “e questo giorno di azzurri profondissimi”, diplomato in pianoforte e composizione presso il Conservatorio G. Puccini della Spezia.
Il secondo premio a Shiva Mukherjee da Castelferretti (An) per la composizione “Cornice”, laurea triennale di composizione presso il Conservatorio G. Rossini di Pesaro.
Il terzo premio a Luca Tacchino da Milano per la composizione “Àlei”, studia composizione presso il Conservatorio Giuseppe Verdi di Milano, autore di testi e musiche per spettacoli teatrali per ragazzi.

Fonte: Fondazione Mauro Crocetta

Ascolta su SoundCloud

Segni, per soprano solo su Sound Cloud

Le rovine hanno sempre esercitato un grande fascino su di me. Come la musica antica. Ho sempre provato un certo piacere nella commistione tra antico e moderno, e alcune mie composizioni si basano proprio su questo, reinterpretare, in chiave attuale, forme e stili del passato. Come nel brano scritto per questa mostra, in cui le rovine del passato riemergono a fatica da una vegetazione che ormai le ha seppellite. Brandelli di un luogo di culto, brandelli di un canto antico che arriva fino a noi come portato dal vento. Brandelli di suoni che si scompongono e si ricompongono, che si avvicinano per poi allontanarsi e riavvicinarsi di nuovo, in un continuo gioco di scambi tra passato e presente.

Ascolta Segni su SoundCloud

Felicita Brusoni, soprano

Prima assoluta di “Di pianti e sospiri”

Di pianti e sospiri, per ensemble, da un madrigale di Claudio Monteverdi
Durata: 6 minuti

Prima esecuzione: Camec, Centro di Arte Moderna e Contemporanea, 26 aprile 2017, New Made Ensemble

Di pianti e sospiri si basa sul madrigale “Piagne e sospira” di Claudio Monteverdi, e come un madrigale è costruito, nella sua giustapposizione di episodi diversi e contrastanti tra loro.
Il materiale musicale di base della composizione – il cromatismo ascendente iniziale, il salto discendente di terza che caratterizza la sezione centrale, le veloci biscrome che conducono alla coda – è estrapolato direttamente dal madrigale monteverdiano e fatto oggetto di elaborazione, sviluppo e trasfigurazione, anche attraverso l’utilizzo di tecniche non convenzionali sugli strumenti.
Anche la parte conclusiva, che cita apertamente il finale del madrigale, suona più come un ricordo lontano, un afflato che svanisce nel silenzio, quel silenzio da cui erano scaturiti i gesti sonori iniziali, soffi e rumori da cui nasce la prima nota del clarinetto.
In una esecuzione ideale, Di pianti e sospiri dovrebbe suonare come un madrigale, con la stessa espressività e teatralità, con quella manifestazione di affetti che era tipica della musica vocale rinascimentale.

NewMade

Il New Made Ensemble in concerto al Camec, La Spezia, 27 aprile 2017. Foto di Maurizio Vatteroni

21 frammenti per Sol LeWitt su SoundCloud

21 frammenti per Sol LeWitt, per sax soprano
Ispirato all’opera “Lines to the center of the page” di Sol LeWitt
Durata: 3 – 5 minuti

Prima esecuzione: Camec, Centro di Arte Moderna e Contemporanea, 20 aprile 2016
Thomas Luti, sax soprano

21 frammenti per 21 linee. Le linee che LeWitt traccia sulla pagina, dal centro alla periferia del foglio (o viceversa, come sembrerebbe suggerire il titolo dell’opera, ma poco importa). Linee che io posso leggere in senso orario o antiorario, iniziando da quella che preferisco, scegliendone solo alcune o andando avanti, anche, all’infinito. Perché non c’è un inizio né una fine.

E così farà l’esecutore, sceglierà quanti e quali frammenti utilizzare, stabilirà un ordine e li suonerà di seguito, per intero o in frammenti più piccoli, ripetendoli più volte, con la libertà di variarne a piacimento velocità, dinamica e fraseggio.

Un centro di gravità unisce tra loro i frammenti, come nell’opera di LeWitt: è un’idea musicale, semplice, embrionale, un singolo suono generatore. L’esecutore potrebbe decidere di non farla ascoltare chiaramente, non ha importanza, di questa idea si nutrono i frammenti, in maniera più o meno evidente, più o meno riconoscibile.

E nella presenza latente di tale idea, che cambia abito ad ogni frammento, ad ogni ripetizione, ad ogni variazione, sta il senso della composizione.

Guarda il video

Ascolta su SoundCloud

“Infine nel silenzio” a Pescara, Alviani Art Space

Infine nel silenzio, per nastro (su frammenti eseguiti alla viola da Ignazio Alayza)
Durata: 3 minuti

Installazione musicale all’interno della mostra “Stoner. Landing pages”, Alviani Art Space, Pescara, 10 novembre – 11 dicembre 2016

Stoner è un romanzo attraversato da una tensione continua, anche se latente. Non esplode mai, ma la si percepisce costantemente sotto la cappa della routine, della normalità quotidiana che contraddistingue la vita del protagonista. Allo stesso modo, il mio pezzo si compone di due strati sonori opposti, quello della invariabilità, caratterizzato da un andamento ciclico, e quello della tensione emotiva, con gesti sonori incisivi e violenti, in cui il timbro della viola, elaborato elettronicamente, perde i suoi connotati e diventa quasi irriconoscibile. Ma questi attimi di eccitazione, queste momentanee valvole di sfogo non attecchiscono al sostrato della ripetitività, non mutano il corso degli eventi. Svaniscono nel nulla lasciando che il brano si concluda nella stessa atmosfera fredda e distaccata con cui era iniziato.

Il pianoforte negli Stati Uniti

Il mio articolo “Il pianoforte negli Stati Uniti: la tecnica estesa da Cowell a Crumb” è disponibile al seguente link:

https://www.academia.edu/28628421/Il_pianoforte_negli_Stati_Uniti_la_tecnica_estesa_da_Cowell_a_Crumb

Qui sotto l’abstract:

“Il pianoforte è uno degli strumenti musicali protagonisti delle avanguardie del ‘900. Affrancatosi dalle suggestioni poetiche e sentimentali proprie dell’epoca romantica, il pianoforte, dai primi decenni del XX secolo, diventa una vera e propria fucina di sperimentazioni timbriche, a partire dai cluster di Bartok e Cowell, passando per la preparazione di Cage ed arrivando al “macrocosmo” sonoro di Crumb. L’articolo ripercorre le tappe principali di questo percorso, che è anche lo specchio dei mutamenti sociali e culturali che attraversano l’intero secolo”.

La città che suona

Dal 4 all’8 maggio 2016 si è svolto a Sarzana il XVI Festival Musica & Suoni, organizzato da Accademia musicale “A. Bianchi”. Nel corso del festival, vi sono stati numerose performance di musica contemporanea nel centro storico della città, a cura del Conservatorio “G. Puccini” della Spezia. Il link qui soto mostra un video riassuntivo della manifestazione.